Johnny DalBasso – JDB

Key-Lab / OctopusRecords

Johnny DalBasso – JDB

  • Release date: 2014-04-30
  • Label: OctopusRecords
  • Catalog #: OCT012

L’album omonimo, fuori oggi per Octopus Records, contiene dieci tracce (undici nella versione digitale) scritte da Johnny Dalbasso e registrate, nelle pause tra le varie date in tutta Italia del lungo tour partito il febbraio del 2013, presso il Key-lab Studio di Giugliano di Napoli (NA) sotto la produzione artistica e tecnica di Giuseppe Fontanella (24 Grana). L’intento è stato quello di realizzare il disco di un one-man band senza però esasperare l’idea del “solo”, scegliendo di collaborare con numerosi artisti della scena musicale/teatrale napoletana e nazionale. Il risultato è un disco non di genere, che va dai ritmi cadenzati del punk/rock a pezzi più introspettivi e minimali.

“Spara”, il singolo che da oggi è un video diretto da Stefano Poletti, apre la strada all’album omonimo di Johnny DalBasso. Una corsa contro il tempo, uno spietato gioco nel quale vince chi crede nelle proprie possibilità, andando anche contro le più realistiche previsioni. Una metafora moderna di Davide contro Golia: il personaggio all’apparenza più gracile e munito solo di una fionda sconfiggerà le avversità con l’astuzia ed un’inaspettata mira. In altre parole: la vita dura solo una vita se non cerchi di lasciare una traccia di te, non per forza in una generazione o nella “storia”, anche solo in una singola persona.

Di seguito la tracklist con le descrizioni dei brani:

Settanta: se avessi vissuto l’età dell’oro del Rock cosa avresti fatto?

La Rivoluzione: Ogni rivoluzione che si rispetti è accompagnata da un nome o da un aggettivoche la caratterizza e da persone che lottano. La rivoluzione “senza nome” non può essere fattaaltro che da gente senza un volto.

Riusciresti tu: Una divinità che non sbaglia, che sa cosa fare, la cui luce spesso è così forte da

non permettere agli altri di vedere come stanno esattamente le cose, o almeno a provarci con ipropri occhi.

Manna dal cielo: si racconta che sia caduta da qualche parte, a beneficio di pochi eletti, per altri è una leggenda, un mito, un miracolo. Questa canzone parla di quella parte di mondo che non ha bisogno di artifizi divini per vivere.

Spara: la vita dura solo una vita se non cerchi di lasciare una traccia di te, non per forza in una generazione o nella “storia”, anche in una singola persona.

Lampi nel buio: ci sono strade parallele alle vie principali della città, senza luci di vetrine e senza rete di sicurezza. E’ la “città vecchia” di De Andrè, molto più metropolitana e noir, dove la gente vive “a due passi dalla vita”, senza capire se riusciranno o vorranno uscirne fuori.

Sessolosapesse: sesso, tradimenti e anelli pesanti un quintale.

Il terzo re: le centurie parlano chiaro, il terzo Re è arrivato.

Maialini: Orwell. La fattoria degli animali. Piccoli “Maialini” crescono.

C.P.C.A: gli antipodi all’interno della vita di ognuno di noi. Noi, sbattuti da una parte all’altra, con una speranza finale

 

 

  • 1

    La rivoluzione

    Free download

    Download track Lyrics

    Dicono:“E’ arrivata la Rivoluzione!”
    Ma è senza nome Ma è senza nome Quindi no, non si farà
    Cade il Parlamento Come sono contento
    Sì, sono contento Adesso che si fa?
    Cade il Parlamento
    Come sono contento Qua…

    Serve un Miracolo!
    Serve un Miracolo!
    Serve un Miracolo!

    La rivoluzione

 

 

Recensioni:

JDB su radiorevolution

JDB su Shiver

JDB su Mescalina

JDB su Pagina99 (cartaceo-maggio 2014)

JDB su SeeSound

JDB su Off Topic

JDB su 100 Decibel

JDB su Dafenproject

JDB su Tempi-Dispari

 

 

 

 

 

Al Key-Lab:    produzione artistica, riprese, missaggio

FacebookTwitterGoogle+Condividi
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Youtube