LIbera Velo – nuova recensione di ”Rizoma contro Albero”

Key-Lab / OctopusRecords

LIbera_vocidalsud_visca

LIbera Velo – nuova recensione di ”Rizoma contro Albero”

LIBERA VELO – Rizoma contro Albero
Data: 17/08/2013 ¤ Autore: Aaron Giazzon
NETichette: Recensioni

Torna, dopo tre anni, la cantautrice Libera Velo con il nuovo disco, “Rizoma contro Albero”, lavoro pieno di contaminazioni e fascinazioni differenti. A farla da padrone rimane, comunque, la bella voce dell’artista partenopea che si destreggia con elasticità tra Blues, Rock, Folk e una certa teatralità che dona dinamicità a tutto il lavoro.

Il disco uscito a gennaio (Octopus Records), ma arrivato alle mie orecchie solo ora, si apre con la delicata “Puca”, una ballata Folk dall’incedere scanzonato e dal testo spensierato (comunque cosa sia un Puca mi è tutt’ora oscuro…). “Memo Bizzarra” continua sulla falsa riga Folk-Pop dell’opener. “Con te me la prendo” è una delicata canzone d’autore in cui la Velo duetta con una voce maschile davvero molto intensa, così come lo è il testo teso tra rabbia e speranza.

In “Il Punctum” si attesta l’ingresso prepotente di un dobro e dell’influenza Blues che la farà da padrone per un paio di pezzi. In “The Wise Child”, pezzo cantato in inglese, aleggia l’influenza del Nick Cave di “Where the Wild Roses Grow”. La successiva “Jimmy’s Blues” è un pezzo di matrice dylaniana, ma declinato sempre secondo la spiccata personalità della cantautrice.
“Demiurga” cambia ancora rotta proponendo il lato più eclettico e sperimentale di Libera Velo, avvicinandosi un po’ alla Meg post-99 Posse. Anche in questo caso è evidente la capacità di adattamento della cantante napoletana ed è, a mio avviso, l’episodio migliore di tutto il disco.
Si chiude, dopo il Pop leggero e di facile presa di “Mi Piace il Tuo Vestito”, con l’intensa “Zenzero 6″, altra prova di forza con l’ingresso di soluzioni jazzy e dal fascino vintage.

“Rizoma contro Albero” è dunque un disco importante e molto eterogeneo che non stancherà l’ascoltatore più esigente, senza perdere un gusto per la melodia particolare e ricercata.

Fonte: Rizoma contro Albero su headcleaner

FacebookTwitterGoogle+Condividi
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Youtube